Archivio News - Dettaglio Notizia

SUPERBONUS 110%, FIRMATA CONVENZIONE CON CASALP PER INTERVENTI DA OLTRE DUE MIIONI SULL'EDILIZIA REISDENZIALE PUBBLICA

Parte la ristrutturazione degli alloggi di residenza pubblica grazie agli incentivi introdotti dal D.l. 34/2020 recante “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19”, che ha incrementato al 110 per cento l’aliquota di detrazione fiscale per specifici interventi in ambito di efficienza energetica e riduzione del rischio sismico e le cui disposizioni si applicano anche nei confronti degli “Istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati.

“La convenzione firmata tra il Comune di Bibbona e Casalp spa, l’ente gestore dell’edilizia residenziale pubblica, va proprio in questa direzione: disciplinare tutti gli aspetti tecnici, procedurali ed economici – spiega il Sindaco, Massimo Fedeli - connessi alla realizzazione degli interventi di efficientamento energetico e riqualificazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica nell’ambito del beneficio fiscale del cosiddetto “Superbonus 110%”.

Un testo con il quale sono stati individuati gli edifici sui quali si svolgeranno gli interventi, ed è specificata la stima dei costi: l’intervento complessivo ammonta a due milioni e 500mila euro,  compresa la quota parte a carico del Comune per gli interventi di manutenzione straordinaria non coperti dal beneficio fiscale in oggetto, pari a circa 95mila euro, da suddividere in quota uguale tra il 2021 e 2022.

“Il Comune Bibbona è proprietario di alloggi destinati all’edilizia residenziale pubblica ubicati nel capoluogo di Bibbona, mediante i quali – sottolinea l’Assessore al bilancio, Monica Mansani - viene garantito il diritto all’abitare dei cittadini e cittadine in possesso dei requisiti previsti dalla normativa del settore. Si tratta di ben 54 alloggi distribuiti su 4 fabbricati: l’opportunità offerta dall’introduzione del suddetto beneficio fiscale, funge da spinta propulsiva, riqualificando il patrimonio edilizio, valorizzandolo – conclude Mansani - con interventi di manutenzione straordinaria, per i quali non è però possibile fruire del beneficio fiscale. Si tratta di un’opportunità importante, che abbiamo deciso di cogliere immediatamente così da non pesare sulle casse dell’Ente e, di conseguenza, dei cittadini”.

torna all'inizio del contenuto