Archivio News - Dettaglio Notizia

TARI, ABBATTUTA DEL 50% LA TASSA SUI RIFIUTI PER LE ATTIVITA' COMMERCIALI

Abbattuta del 50% la tassa sui rifiuti per le attività commerciali danneggiate dal periodo di lockdown: ieri mattina il consiglio comunale ha approvato la delibera che disciplina la riduzione dell’imposta “senza andare ad incidere in nessun modo sul bilancio dell’Ente. Si tratta di risorse – sottolinea il Sindaco, Massimo Fedeli – proprie dell’Ente, derivanti da una gestione oculata della spesa pubblica e da un avanzo di amministrazione, che per il 2019 è stato pari a 1 milione e 125mila euro. Una scelta politica chiara: si tratta di fondi che abbiamo deciso di indirizzare a tutti coloro, in particolare strutture ricettive, che hanno subito un ritardo nell’avvio dell’attività e, di conseguenza, un danno economico”. 

 “L’emergenza epidemiologica COVID-19 e le connesse misure di contenimento del contagio - specifica l’Assessore al bilancio, Francesco Spinelli - hanno prodotto effetti rilevanti sul bilancio di previsione di tutti gli enti comunali, soprattutto in termini di minori entrate. Ma la gestione attenta che la nostra giunta ha messo in atto in questi anni ha permesso di far registrare un avanzo di amministrazione notevole ed immediatamente disponibile. Siamo dunque intervenuti per quelle categorie di utenze non domestiche che sono state costrette a sospendere l’attività, o a esercitarla in forma ridotta, prevedendo per il 2020 una riduzione pari al 50% della parte variabile della Tari. È un alleggerimento della pressione fiscale importante - conclude Spinelli - che non va a gravare sulle restanti utenze, e che da un lato testimonia la nostra attenzione e vicinanza per quelle attività commerciali e produttive duramente colpite da questa crisi, consapevoli anche di cosa rappresentano queste imprese in termini di occupazione per tutto il territorio, e che dall’altro si aggiunge alle altre misure intraprese al fine di contenere l’emergenza sanitaria, come la consegna dei pacchi alimentari al posto dei buoni spesa, che ha permesso di prolungare di due settimane gli aiuti alle famiglie, tante, che si trovate in difficoltà a causa della sospensione dell’attività lavorativa”.

torna all'inizio del contenuto